Category Archives: Società

Nonprofit, un progetto di vita concreto e una scelta politica

Vi ricordate i tempi i cui i genitori consigliavano ai ragazzi di ‘lavorare in banca’ o ai più ambiziosi di fare il manager in azienda, e lasciare perdere velleità sociali? Io ricordo molto bene le affettuose perplessità o i risolini di sufficienza di chi aveva fatto una ‘scelta sicura’ a fronte della ‘follia’ mia e […]

L'articolo Nonprofit, un progetto di vita concreto e una scelta politica proviene da Il Fatto Quotidiano.

MORE

Sanità negata, non solo a Reggio Calabria

Scrissi tempo fa di come la sanità locale calabra stesse facendo passi “politici” per essere assegnata a strutture private a scapito dell’assistenza pubblica pura. A Reggio Calabria all’Ospedale Morelli, ad esempio, la reumatologia è stata molto limitata, senza assegnazione di posti letto, così i cittadini sono obbligati a spostarsi alla casa di cura privata Madonna dello […]

L'articolo Sanità negata, non solo a Reggio Calabria proviene da Il Fatto Quotidiano.

MORE

Radio Maria, su chi cadrà la punizione divina?

“Il terremoto? Una punizione divina per colpire l’Italia che ha voluto una legge sulle Unioni civili”. Pensieri incivili di un conduttore di Radio Maria, potentissima emittente della parte più integralista del mondo cattolico. La Chiesa di Bergoglio ha subito preso le distanze da queste parole che odorano di bestemmia e che distano milioni di anni luce […]

L'articolo Radio Maria, su chi cadrà la punizione divina? proviene da Il Fatto Quotidiano.

MORE

Decrescita, l’anticipazione di Goffredo Parise

Devo dire grazie alla rete se sono venuto a conoscenza di un articolo che Goffredo Parise scrisse su Il Corriere della Sera il 30 giugno 1974, articolo che dimostra da un lato la sensibilità dello scrittore e dall’altro la sua capacità di anticipare i tempi. “Il rimedio è la povertà” è il titolo ed in […]

L'articolo Decrescita, l’anticipazione di Goffredo Parise proviene da Il Fatto Quotidiano.

MORE

“Il licenziamento è stata la molla per cambiare vita in Costa Rica. Correre ogni giorno non è vivere”

Per cinque anni ha lavorato come scaricatore di porto a Marina di Carrara, incominciando da ragazzino, appena maggiorenne, finché a causa della crisi non è stato licenziato. A quel punto Emanuele Biso, 28 anni, si è reso conto che gli mancava qualcosa. “Mi svegliavo la mattina con la testa piena di sogni da realizzare. Ma più passava […]

L'articolo “Il licenziamento è stata la molla per cambiare vita in Costa Rica. Correre ogni giorno non è vivere” proviene da Il Fatto Quotidiano.

MORE